GRAN BRETAGNA

1 – Grenadier Guards, ufficiale in piccola uniforme.

Il frock di piccola è decorato da sei alamari in fascia di seta mohair nera. Il berretto da fatica del tipo field service cap è pertinente ai reggimenti a piedi della Guardia. Pezzo unico su materiale Ensign e testa autocostruita. 54 mm..

 

 

2 – Grenadier Guards, tamburino e soldato.

 

Alla battaglia di Inkerman la quasi totalità della fanteria britannica indossava il cappotto. Il piumetto bianco portato a sinistra sul berrettone di pelo ed alcuni elementi distintivi al colletto appena visibili denotano l’appartenenza al sopra citato reggimento. Pezzi autocostruiti. 54 mm..

3 – Coldstream Guards, sergente in piccola uniforme.

La shell jacket bianca equipaggiava gli elementi appartenenti sia alla Guardia a piedi sia agli Highlanders scozzesi. Trasformazione di una figura Ensign. 54 mm..

 

4 – Coldstream Guards, soldato in alta uniforme.

 

Si osservino il piumetto rosso a destra, la stella dell’Ordine della Giarrettiera al colletto e la spaziatura a due a due dei bottoni. Figura in 100 mm. Della ditta David Grieve Models.

5 – Scots Fusilier Guards, piffero in piccola uniforme.

Il berretto da fatica (pill box) è decorato dalla tipica quadrettatura scozzese (diced border). L’arma da lato è di quelle a foggia speciale di cui sono dotati tutti i musicanti. Pezzo unico su materiale Ensign. 54 mm..

6 – 7th (Royal Fusiliers) rgt. of foot, tamburino.

 

Alla battaglia dell’Alma le uniformi indossate dalle truppe del corpo di spedizione britannico erano ancora in uno stato accettabile. Le granate alla placca della bandoliera ed allo shako identificano i reggimenti di fucilieri. La disposizione alle maniche dei galloni da musicante variano a seconda del reggimento. Elaborazione di una figura napoleonica della ditta Tradition. 54 mm..

7 – 19th (First York North Riding) rgt. of foot, soldato. Novembre 1854.

Figura autocostruita tratta da un disegno acquerellato di un testimone oculare. 54 mm..

 

8 – 23rd (Royal Welsh Fisiliers) rgt. of foot, ufficiale all’Alma.

 

I reparti leggeri di fanteria portavano I nidi di rondine (wings) a decorazione delle spalle. Pezzo unico con utilizzo di materiale Tradition. 54 mm.

9 – 38th (1th Staffordishire) rgt. of foot, Tamburo maggiore.

Assimilabile al grado di sergente maggiore reggimentale questo capo musica ne indossa il tipo di giacca (senza galloni sul petto) ed i gradi d’argento al colletto ed alle maniche. La dragona oro e cremisi sottolinea la condizione di “quasi ufficiale” del personaggio. Fonte: disegno di Vanson. Pezzo unico derivato da una figura Tradition. 54 mm..

 

10 – 50th (The Queen’s Own) rgt. of foot, musicante.

 

La shell jacket bianca, i pantaloni grigio lavanda (obsoleti), la sciabola all’orientale e la spallina con crescente in lana (tuft) di colore reggimentale caratterizzano questa uniforme. Fonte: descrizione di un testimone oculare. Pezzo unico su materiale Valiant, strumento Dolp. 54 mm.. 

11 – 68th (Durham Light Infantry) rgt. of foot, trombettiere.

Il 68th è l’unico reparto di fanteria che partecipò alla battaglia di Inkerman senza cappotto. I galloni ed i nidi di rondine sono di foggia reggimentale mentre il pompon verde è tipico dei reggimenti leggeri. Fonte: disegno di Vanson. Pezzo napoleonico Tradition trasformato. 54 mm..

12 – 88th (The Connaught Rangers) rgt. of foot, soldato di una compagnia di centro.

 

All’Alma l’88esimo combatté disponendosi in quadrato. Il soggetto è rappresentato nell’atto di munirsi, traendola dal borsino attaccato alla bandoliera, della capsula da disporre sullo “spillo” del fucile a percussione Minié. Figura autocostruita. 54 mm..

13 – 90th (Pertshire Volunteers) (Light Infantry) rgt. of foot.

La figura riproduce un artwork moderno ispirato alle numerose fotografie scattate da Fenton nel corso dell’inverno 1854-55. Figura autocostruita. 54 mm..

 

14 – 97th (The Earl of Ulster’s) rgt. of foot; caporale di una compagnia leggera.

 

I pantaloni grigio chiaro di tipo vecchio segnalano che il reparto probabilmente raggiunse la Crimea pervenendo direttamente da una dislocazione oltre mare senza essere passato dalla madre patria. L’arma è un fucile Enfield nuovo modello. Fonte: artwork moderno. Pezzo unico su struttura portante Tradition; testa autocostruita. 54 mm..

15 – 93rd (Sutherland Highlanders) rgt. of foot, soldato.

Il personaggio indossa l’uniforme regolamentare che caratterizza I reparti di highlanders del primo periodo vittoriano. Nell’uniformologia della fanteria britannica la spaziatura nella disposizione dei bottoni e la foggia della relativa gallonatura rappresentava un vero e proprio codice di identificazione reggimentale. In questo caso la definizione è: singola a punta. Figura in 100 mm. Della ditta David Grieve Models.

 

16 – 71st (Highland) Light Infantry, soldato.

 

I pantaloni (trousers) in tartan Mackenzie, al posto del classico kilt, equipaggiano gli highlanders dei reggimenti leggeri. Lo shako scampanato blu di vecchissimo modello è tipico di questo reparto. Figura in 100 mm. Della ditta David Grieve Models.

17 – 2nd North British Dragoons, dragone.

Questo reggimento, meglio conosciuto come “Scots Greys”, ha mantenuto il berrettone di pelo nel corso di tutto l’Ottocento. Pezzo unico su materiale Tiny Troopers. 65 mm..

 

 

18 – 2nd North British Dragoons, dragone.

 

Si noti come in campagna gli orpelli decorativi dell’uniforme siano ridotti all’essenziale. Figura Clydecast, 90 mm..

19 – 4th Queen’s Own Light Dragoons, ufficiale.

l rosso è il colore del 4° dragoni Leggeri. Si notino le pistagne rosse alle cuciture della schiena e delle maniche (alla lanciera) che nei reparti di dragoni leggeri sono portate soltanto dagli ufficiali e dai trombettieri. Fonte. Disegni coevi (Vanson) e moderni (Fosten). Elaborazione di materiale Tiny Troopers. 65 mm..

 

 

 

20 – 11th Prince Albert’s Own Hussars, ussaro a Balaclava.

 

Splendida figura in 90 mm. della ditta Hearne Original. Di grande interesse i dettagli della sospensione del moschetto e del complesso brigliaggio del cavallo.

21 – 11th Prince Albert’s Own Hussars, trombettiere.

L’uso del colbacco di pelo bianco non è condiviso da tutte le fonti. Si è soliti definire “cherry” il rosso dei pantaloni di questo famosissimo reparto. Elaborazione di materiale Tiny Troopers. 65 mm..

 

 

22 – 8th King’s Royal Irish Hussars, ussaro.

 

Tutti I reparti che portano la definizione “Royal” nel loro titolo sono contraddistinti dal colore di mostrina blu. Si osservi la marcatura “8” del cavallo. Fonte: disposizioni regolamentari coeve. Elaborazione di materiale Tiny Trooper. 65 mm..

 

23 – 13th Light Dragoons, ufficiale.

La commistione fra elementi della grande uniforme ed indumenti fuori ordinanza è, quantomeno per gli ufficiali di cavalleria, tipica della prima fase della campagna a causa dei ritardi nell’affluire del bagaglio. Lasciar fluire liberamente il sistema pilifero di faccia e testa, pratica tipicamente “crimeana”, venne adottato da subito. Elaborazione di materiale Tiny Troopers. 65 mm..

 

 

24 – 13th Light Dragoons, dragone.

 

La cerata allo shako, l’eliminazione delle spalline a crescenti metallici e l’applicazione di rinforzi di cuoio ai pantaloni determinano la tenuta da campagna. Identificato dal colore distintivo bianco il tredicesimo caricò a Balaclava con questo tipo di uniforme. Fonte: disegno di Vanson. Figura della Tiny Troopers in 65 mm..

 

25 – 17th Lancers, lanciere.

Soprannominati “The Death or Glory Boys” i lancieri del diciassettesimo recitarono un ruolo di primo piano nel corso della giornata di Balaclava. L’uniforme da campagna è ridotta all’essenziale ma i pantaloni sono privi di rinforzi. Figura in 90 mm. della Hearne Original.

 

 

26 – 17th Lancers, ufficiale.

 

Questo baffuto ufficiale indossa la giacca di piccola uniforme ma conserva la ricca bandoliera da parata. Elaborazione di materiale Tiny Troopers. 65 mm..

 

27 – 17th Lancers, macellaio reggimentale.

Trattasi del famoso private John Fahey del quale si narra abbia partecipato alla carica di Balaclava in uniforme da lavoro. Figura in 80 mm. della ditta Hussar.

 

 

28 – Il Tenente Colonnello John Douglas dell’11° Ussari.

 

Tratto da una fotografia scattata nel 1856 questo splendido modello di serie in 90 mm. è frutto dell’abilità del grande Mike French, scultore della Tiny Troopers. Al petto la “Crimea Medal” riconoscibile dal nastrino celeste a bordi gialli.

29 – Royal Artillery, artigliere.

La sola crown rossa del berretto da fatica interrompe il blu monocromo dell’uniforme giornaliera di questo artigliere appiedato. Pezzo unico con uso di materiale Ensign. 54 mm..

30 – Royal Horse Artillery, ufficiale in alta uniforme.

 

L’uniforme “alla ussara” contraddistingue l’artiglieria a cavallo britannica al pari di quella francese. Quale migliore connubio cromatico se non quello composto dal blu, il rosso e l’oro per la più elegante delle uniformi!? Fonte. Artwork moderno di P. Turner. Figura autocostruita. 54 mm..

31 – Royal Horse Artillery, artigliere in uniforme da campagna.

Figura Tradition revisionata ed integrata. 54 mm..

 

32 – Royal Horse Artillery, ufficiale in piccola uniforme.

 

Ricostruito nell’uniforme in base alle disposizioni regolamentari il personaggio abbina il berretto e la giacca di piccola alla sabretache (tasca-sciabola). Pezzo unico dovuto alla rielaborazione di una figura Ensign: 54 mm..

 

33 – Artiglieria di Marina, artigliere.

Figura in 54 mm. della ditta americana Valiant.

33 – 4th Light Dragoons a Balaclava.

 

Malgrado nell’azione della Brigata Leggera facesse parte della terza linea anche questo reparto ebbe numerose perdite; fra morti e feriti: 4 ufficiali – 54 soldati – 50 cavalli. Pezzo unico autocostruito. 54 m..